Dall’anno fiscale 2013/14 in avanti la condizione di residenza fiscale nel Regno Unito sarà determinata da un nuovo test. Lo stesso è stato introdotto nell’anno in corso in concomitanza dell’abolizione e conseguente invalidità del concetto di residenza ordinaria avvenuta con data effettiva il 6 Aprile 2013. Il nuovo test di residenza ha al suo interno una serie di regole che devono essere rispettate che hanno validità in tutto il Regno Unito e che non sono suscettibili di differenze legislative tra i diversi territori (Inghilterra, Galles, Irlanda del Nord e Scozia). La regola principale stabilisce che un individuo è residente in UK per un certo anno fiscale, se in quell’anno:

  • Il test di “residenza automatica” è soddisfatto; o
  • Il test di “sufficienti legami stretti” è soddisfatto

Ci sono 4 condizioni per la residenza automatica e un individuo è definito residente se almeno una delle seguenti circostanze è soddisfatta

  1. Un individuo è residente se trascorre in UK almeno 183 giorni nel corso di un dato anno fiscale
  2. Un individuo è residente se lo stesso possiede (o affitta) una casa in UK per almeno una parte dell’anno fiscale e vi trascorre almeno 30 giorni e in concomitanza se lo stesso individuo non possiede una casa all’estero o, se la possiede, vi trascorre meno di 30 giorni
  3. La terza condizione è soddisfatta se un individuo lavora un certo numero di ore in UK durante l’anno fiscale (più di 3 ore al giorno per 31 giorni o più) senza significative interruzioni durante i 31 giorni
  4. La quarta condizione è soddisfatta nel caso in cui l’individuo decede durante l’anno fiscale ed era considerato residente in UK per ognuno dei 3 anni fiscali precedenti

Allo stesso modo esistono 3 test per la residenza estera automatica. Il test per la residenza automatica in UK non è superato se una delle seguenti condizioni si manifesta e di conseguenza l’individuo è considerato residente all’estero

  1. L’individuo è residente in UK per almeno uno degli ultimi tre anni e nell’anno in corso trascorre meno di 16 giorni e non muore durante lo stesso anno
  2. L’individuo non è stato residente in UK in nessuno degli ultimi 3 anni e il numero di giorni trascorsi in UK durante l’anno fiscale corrente è meno di 46
  3. La persona lavora un certo numero di ore all’estero senza interruzioni significative oppure la persona lavora meno di 3 ore al giorno per meno di 31 giorni in UK e il numero di giorni passati in UK è meno di 91

Si prega di vedere il diagramma esplicativo qui di seguito. (http://www.hmrc.gov.uk/international/rdr3.pdf1114054_orig

Il test dei legami sufficienti

Il test dei “legami sufficienti” è un test alternativo a quello della residenza automatica ed è soddisfatto se le condizioni di un individuo non ricadono in nessuna delle categorie previste né dal test di residenza UK né dal test di residenza estera, ma ciononostante l’individuo stesso manifesta sufficienti legami con il Regno Unito durante un dato anno fiscale.

Non residente in nessuno dei 3 precedenti anni fiscali (“nuovi arrivati”) Residente in UK per uno o più degli ultimi 3 anni fiscali (“coloro che lasciano il Paese”)
Meno di 16 giorni Sempre non residente Sempre non residente
16-45 giorni Sempre non residente Residente se 4 o più legami stretti sono verificati
46-90 giorni Residente se 4 legami stretti sono verificati Residente se 3 o più legami stretti sono verificati
91-120 giorni Residente se 3 o più legami stretti sono verificati Residente se 2 o più legami stretti sono verificati
121-182 giorni Residente se 2 o più legami stretti sono verificati Residente se 1 o più legami stretti sono verificati
Più di 183 giorni Sempre residente Sempre residente

I test sopra menzionati sono un riassunto delle nuove regole sulla residenza in UK. Le nuove regole sono dettagliate e piuttosto complesse e per questo motivo, a coloro che affrontino tematiche di questo tipo, consigliamo di avvalersi della competenza professionale del Gruppo Lextray, i cui consulenti saranno ben lieti di chiarire ogni dubbio in materia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *